REVIEW: GLOW TO TOUCH – KIKO

DSC_0115

prezzo: €5,90 (per 18g)

INCI: diisostearyl malate, trimethyololpropane triisostearate, hydrogenated polyisobutene, synthetic beeswax, caprylic/capric triglyceride, silica dimethyl silylate, cera microcristallina, mica, polyethylene, stearalkonium bentonite, zinc stearate, propylene carbonate, hydrogenated styrene/butadiene copolymer, ethyl vanillin, pentaerythrityl tetra-di-t-butyl hydroxyhydrocinnamate, dicalcium phosphate, tin oxide, tocopherol, rubus idaeus leaf cell culture. may contain: CI 77891, CI 77492, CI 77491, CI 77499, CI 15850, CI 45380, CI 45410, CI 73360, CI 19140, CI 15985, CI 42090.

Glow to touch è l’unico prodotto a cui ho ceduto della edizione limitata primaverile Boulevard Rock di Kiko. è un trucco multiuso, che funge sia da lucidalabbra che da blush in crema. io l’ho scelto nella tonalità 104-magnetic mauve, un color malva piuttosto inusuale per me (anche perché degli altri nessuno mi aveva colpito gran chè…).

Ciò che mi piace di più di questo blush (sulle labbra lo uso raramente) è di certo il colore: il malva è una tonalità che, non so nemmeno io il perché, ho sempre scartato abbastanza a priori. in realtà grazie a questo prodotto ho scoperto che non mi sta per niente male (sono  la personificazione della modestia come potete notare), e che dovrei iniziare ad utilizzarla più spesso. anche perché di rosa e pesca sulle guance ormai sono un po’ stufa, in effetti. La crema è ben pigmentata (non super intensa ma nemmeno scialba, una giusta via di mezzo), è piuttosto morbida e facile da lavorare sia con le dita che con i pennelli, e ha un profumino che a me ricorda le caramelle che mangiavo da piccola. può piacere o no, e naturalmente a me piace: datemi una fragranza dolciastra zuccherosa e un po’ stomachevole e sono perdutamente vostra.

Il finish non è completamente opaco: l’effetto è appunto “glow”, leggermente lucido, e alla luce del sole si vedono alcuni -pochissimi- glitter. probabilmente se i brillantini fossero stati più evidenti non l’avrei comprato (non amo i prodotti shimmer su labbra e viso), ma sinceramente mi chiedo quale sia il punto nel metterne così pochi: a questo punto potevano toglierli del tutto e via. misteri.

Il vero problema di questo blush è la durata: io ho la pelle che tende a lucidarsi e su di me il make-up non resiste molto, ma questo prodotto si squaglia in un batter d’occhio, sia dalle labbra che dalle guance. potrei passare un velo di cipria per massimizzare la tenuta, ma si impiastriccerebbe tutto e perderebbe quell’effetto lievemente lucido che è il suo bello. quando lo indosso me lo porto in borsa in modo da poterlo riapplicare più volte, ma è un po’ una scocciatura. senza contare che c’è anche della gente seria che magari, a differenza mia, non passa la giornata a ritoccarsi il trucco ogni 2 ore.

Alla fine, tutto sommato, non posso dire che sia malvagio: ha un prezzo abbordabile e la cialdina contiene un sacco di prodotto rispetto allo standard. è facile da mettere ed a me l’effetto piace molto. certo non ha una gran durata, ma va be’, nessuno è perfetto (tranne Ryan Gosling). e poi sono infinitamente grata alla Kiko per averi fatto scoprire che il malva mi piace e soprattutto MI-STA-BENE!

Questo è tutto bellezze! Che ne dite? Voi avete comprato qualcos’altro di questa edizione limitata? Let me know!

Annunci

2 pensieri su “REVIEW: GLOW TO TOUCH – KIKO

  1. Pingback: THE RYANAIR CHALLENGE | the cosmeticholic

  2. Pingback: Top&Flop – Aprile 2014 | the cosmeticholic

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...