REVIEW: INSTANT AGE REWIND ERASER DARK CIRCLES – MAYBELLINE

DSC_0099

prezzo: €12,00 (per 6,0ml)

Ho passato tutta la scorsa settimana a litigare furiosamente con la mia connessione internet (maledetto fastweb!) e ho disertato il mio impegno quotidiano di postaggio per qualche giorno. ora però sono di nuovo qui e voglio dire la mia sul correttore Instant Age di Maybelline, un prodotto molto amato sul web.

Io lo possiedo nella tonalità light e l’ho comprato quest’estate a Boston, ma si trova tranquillamente anche in Italia. All’inizio non mi piaceva affatto: la tonalità era decisamente troppo fredda e chiara per coprire le mie occhiaie che risultavano solo ingrigite. il risultato era piuttosto scadente e questo correttore era presto finito nel dimenticatoio.

DSC_0101

Ecco lo swatch sul mio braccio. il colore scompare quasi, non sono riuscita a    fare una foto migliore

Qualche mese fa ho deciso di riesumarlo, e ora lo uso con piacere ogni giorno: per le mie occhiaie è decisamente inadatto, ma io lo utilizzo sulla fronte, il mento, gli zigomi e tutte quelle zone che voglio illuminare. Lo sfrutto insomma come prodotto per il contouring, per evidenziare ulteriormente le zone d’ombra che creo poi con la terra in polvere. Sono molto soddisfatta di questo uso “alternativo”, sia perché sono riuscita a dare nuova vita ad un prodotto che altrimenti avrei cestinato, sia perché mi piace molto il risultato che ottengo: l’effetto è molto naturale (io DETESTO gli illuminanti glitterati, li trovo di una pacchianeria indescrivibile) e la texture molto leggera aiuta a sfumare facilmente. L’applicatore con spugnetta inclusa all’inizio mi dava un’idea di poco igienico, ma in realtà ora mi ci sono abituata ed è piuttosto comodo.

Credo che come correttore sia adatto solo a chi ha occhiaie leggere e poco marcate. se come accade a me questo prodotto non basta a coprirle non disperate e provate a riciclarlo per altri scopi, per me ha funzionato!

REVIEW: PHOTO OP UNDER-EYE BRIGHTENER – SMASHBOX

DSC_0074

prezzo: $20,00 (per 7,1ml)

INCI: aqua, phenyl trimethicone, cyclopentasiloxane, butylene glycol, isostearic acid, emulsifying wax NF, steareth-21, PEG/PPG-18/18 dimethicone, steareth-2, magnesium aluminum silicate, xanthan gum, sodium PCA, squalene, tocopheryl acetate, phenoxyethaol, methylparaben, ethylparaben, butylparaben, propylparaben, isobutylparaben, lecithin, polysorbate 20, sorbitan laurate, propylene glycol stearate, propylene glycol laurate, sodium hydroxide, sodium hyaluronate, glycerin, steareth-20, N-hydrosuccinimide, chrysin, palmitoyl oligopeptide, palmitoyl tetrapeptide-3, cholesterol, caprylic/capric triglyceride, diacetyl boldine, hydrolized marine collagen, silanetriol, glutamylamidoethyl imidazole, fructose oligosaccharides, porphyridium cruentum extract, biotite, vitis vinifera seed extract. may contain: mica, titanium dioxide, iron oxides, carmine.

Dal momento che le occhiaie sono uno dei miei più grandi crucci – sono talmente marcate, tutti i giorni e tutto il giorno, che non riesco mai a coprirle veramente – sono sempre incuriosita dai prodotti che promettono di migliorare l’aspetto del contorno occhi e coadiuvare l’azione del correttore.

Questo illuminante dal tono leggermente pescato, da stendere sotto l’occhio prima del correttore abituale, dovrebbe riflettere la luce e illuminare la zona garantendo luminosità e coprenza perfette. ha una texture molto liquida e si stende molto facilmente, e sebbene si noti da subito l’effetto illuminante, da solo non copre quasi per nulla. una volta aggiunto il correttore, questo si fissa senza sbavare o scivolare di qua e di là (come temevo).

L’effetto “luminosità” c’è, ma purtroppo non è molto evidente: se le occhiaie sono scure e profonde, il cambiamento non potrà essere radicale, ma per chi è più fortunato di me potrebbe essere un prodotto molto utile. io personalmente non posso dire di aver risolto definitivamente il mio problema grazie a questo prodotto, ma lo uso con piacere di tanto in tanto, anche perché mi sembra che costituisca un’ottima base per il correttore, che tende ad andare meno nelle “pieghette” (mi pare che faccia da primer, per capirci).

Insomma, non è senza dubbio un prodotto miracoloso né uno step fondamentale, ma per me non è nemmeno da buttare!

 

 

REVIEW: CORRETTORE MINERALE YELLOW – NEVE COSMETICS

DSC_0120

prezzo: €12,90 (per 4g)

INCI: mica (CI 77091), titanium dioxide (CI 77891), iron oxides (CI 77492, CI 77491)

Dato che le mie amiche occhiaie color melanzana intenso non mi abbandonano mai, ho in genere bisogno di correttori molto pastosi e coprenti, dal sottotono aranciato: sono gli unici che riescono ad arginare quel look-mortifero che immancabilmente mi accompagna anche quando sono in vacanza e dormo 10 ore a notte. per questo motivo mi sono sempre tenuta alla larga dai correttori in polvere, che mi hanno sempre dato un’idea di coprenza minima.

Questo correttore giallo, però, si sta rivelando un prezioso alleato nella strenua lotta all’occhiaia: dopo aver messo il mio solito chilo e mezzo di correttore-pastone (i miei preferiti sono il Secret Concealer di Laura Mercier e il Creamy Concealer di Bobbi Brown, hanno la densità di una stella a neutroni!) ne spolvero giusto un velo proprio sotto gli occhi. la polvere aiuta a fissare il prodotto cremoso – che altrimenti finirebbe tutto nelle pieghe – , ma rispetto ad una cipria normale contrasta, grazie alla pigmentazione gialla, il grigio-violetto della zona. Io vedo davvero la differenza: l’area sotto l’occhio appare più luminosa e meno grigia.

per me è davvero un risultato notevole, e chi come la sottoscritta soffre di occhiaie croniche e marcate non potrà che accogliere questo trucchetto come una manna dal cielo. permettetemi dunque di chiudere questa recensione con un grido di gioia dal più profondo del mio cuore: urrà!

p.s.: esistono altri prodotti molto simili, e ho motivo di credere che il risultato finale non sia molto diverso. io ho provato la cipria giallina di Laura Mercier (quella che ti danno insieme al duo di correttori): è molto più cara e leggermente meno pigmentata, quindi a questo punto meglio quella di cui sopra.